Una trappola per zanzare fatta di pneumatici

I vecchi copertoni delle auto per catturare le terribili zanzare Aedes con un'efficienza 7 volte maggiore delle normali trappole

WhatsApp Share

Ci è voluto uno studio, in Guatemala, per trovare una soluzione a buon mercato contro le zanzare della famiglia Aedes, un sistema molto facile da riprodurre che pare abbia ridotto significativamente i virus che queste zanzare trasportano. 

Viene chiamato ovillanta ed è una trappola ricavata da vecchi pneumatici per le uova di zanzara. Questo sistema eco-friendly a basso costo è così efficace che, nel corso dello studio durato 10 mesi, il team ha raccolto e distrutto oltre 18.100 uova di zanzare Aedes al mese, quasi sette volte le uova raccolte per mezzo delle trappole standard. Oltretutto, i ricercatori ci hanno tenuto a far notare che, nel corso di questi mesi, non ci sono stati nuovi casi della malattia infettiva tropicale Dengue, mentre, di solito, durante quel lasso di tempo, si arriva fino a tre dozzine di casi nella comunità.

Le zanzare Aedes sono le prime responsabili per la trasmissione di una serie di virus molto fastidiosi, tra cui lo Zika, la Dengue, la Chikungunya e la febbre gialla, e sono anche molto difficili da controllare per tutta una serie di motivi, tra cui la loro resistenza ai pesticidi, la mancanza di risorse per fare nuove ricerche e una diffusione troppo rapida negli ambienti più facili da abitare.  

L'ovillanta è stato realizzato in collaborazione da ricercatori del Canada e del Messico ed è costituito da due sezioni di circa 51 cm di vecchi pneumatici, sistemati insieme come se fossero una bocca, con una valvola di rilascio di fluido sul fondo (

). 

Sul fondo viene versata una soluzione lattica non tossica che attira la zanzare – comprende un feromone che dice alle zanzare femmine che si tratta di un luogo sicuro per deporre le uova. Quindi, le zanzare entrano e rilasciano le uova su una striscia di carta o di legno che galleggia in questa soluzione e che, due volte alla settimana, viene rimossa con conseguente distruzione delle le uova. Dopodiché la soluzione viene drenata e filtrata prima di essere riutilizzata di nuovo nella trappola.

I ricercatori hanno spiegato che la scelta degli pneumatici riciclati è stata fatta in parte perché le gomme rappresentano già fino al 29% dei siti di riproduzione scelti dalle Aedes aegypti, in parte perché le gomme sono uno strumento universalmente accessibile negli ambienti che non hanno molte risorse e in parte anche perché questo comporta un riciclo con nuovo uso di un oggetto inquinante. Hanno anche spiegato che usare ovillanta costa un terzo di quello che costava uccidere le larve negli stagni naturali e solo il 20% del costo di attaccare gli insetti adulti con i pesticidi – che, oltretutto, finiscono per colpire anche altre animali, come pipistrelli, libellule e altri predatori naturali.