Francia: l’auto elettrica non e’ ecologica

Ogni auto ha un suo impatto sull’ambiente: le pubblicità sulle auto elettriche devono essere ponderate e relativizzate

WhatsApp Share

 

L’auto elettrica non è ecologica: lo afferma l’Autorità per la regolamentazione professionale della pubblicità francese chiamata a pronunciarsi sulle campagne di due operatori di car-sharing elettrico del gruppo Bolloré, ossua Autolib a Parigi e Bluely a Lione, oltre che su ‘Zoé’, l’auto elettrica della Renault. A chiedere l’intervento del giudice sulla deontologia pubblicitaria è stato l’‘Osservatorio del nucleare’, contro alcuni messaggi pubblicitari che qualificavano le vetture come ecologiche, con 0% di emissioni. 

Il giudice ha evidenziato, nella sua sentenza, che utilizzare un’auto elettrica non significa essere ecologici al 100%, anche se si fa rifermento al car-sharing: ‘L’utilizzo di questo servizio implica necessariamente alcuni effetti negativi sull’ambiente, a partire dal fatto che l’elettricità necessaria alla ricarica non è detto che provenga da risorse rinnovabili’.

Non solo.  A rappresentare un problema, infatti, non è l’inquinamento diretto, ma le emissioni di CO2 indirette, provenienti dalle fabbriche che producono auto elettriche. Ogni auto prodotta, quindi, ha un suo effetto sull’ambiente, afferma Stéphane Martin, direttore generale dell’Autorità per la regolamentazione professionale della pubblicità: ‘ogni veicolo ha un impatto sull’ambiente dalla costruzione al suo ciclo di vita’, pertanto, tutte le ‘pubblicità devono essere ponderate e relativizzate’.

 

gc