Una protesi di 3000 anni fa

Alcuni egittologi stanno esaminando il ritrovamento di un finto dito del piede, praticamente una protesi di tre migliaia di anni fa

Se pensiamo a un incidente che accade nell'antico Egitto e che comporta magari la perdita di un dito del piede, quali pensiamo che possano essere le conseguenze? Dover vivere senza? Beh, almeno in un caso non è andata così.

Gli egittologi della University of Basel in Svizzera stanno studiando proprio questo caso, ovvero quello che probabilmente è uno dei più antichi dispositivi protesici mai trovati e che serviva a sostituire l'alluce di un piede destro, realizzato con incredibile abilità. È dal 2015 che i ricercatori si stanno occupando dello studio di reperti trovati in quello che loro stesso hanno definito un «antico cimitero di un'élite egiziana» vicino a Luxor, la saccheggiata necropoli dello sceicco Abd el-Qurna e, adesso, in una tomba di alta classe della figlia di un sacerdote, è stata trovata questa protesi in legno di 3000 anni fa. Una protesi che non è solo attraente e funzionale, ma che, a guardarne la mobilità di estensione e la struttura robusta della cinghia, mostra di essere stata fatta da un artigiano che aveva molta familiarità con la forma umana.

Protesi del genere erano state trovate anche in Grecia antica: molto probabilmente i progressi in questo campo sono stati fatti di seguito alla guerra, quando i soldati tornavano a casa con menomazioni di vario genere.

Non è chiaro cosa sia successo alla figlia del prete, ma i ricercatori ritengono che l'alluce sia stato amputato per montare la costosa protesi al suo posto e, utilizzando la microscopia a raggi X, hanno determinato che la punta di legno è stato effettivamente riparata almeno tre volte.
Contando che gli antichi Egizi spesso indossavano i sandali, avere un piede ben formato era molto importante e questo ritrovamento straordinario conferma fino a che punto lo fosse. Di certo, questa donna aveva un certo tenore di vita, potrebbe addirittura essere appartenuta alla stirpe reale.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER