La vitamina E è un rimedio per la dismenorrea

Lo rivelano diversi studi condotti su donne affette da dismenorrea primaria

Le mestruazioni sono una parte fondamentale della vita delle donne. Molte le vivono senza incidenti, ma per alcune l'esperienza può essere angosciante. Il dolore provocato dalla dismenorrea o dai crampi mestruali può essere così importante da impedire una vita normale.

Molte ricorrono agli antidolorifici da banco, ma gli effetti collaterali sono diversi. Secondo uno studio, l’integrazione a lungo termine di vitamina E rappresenta un’alternativa valida e salutare.

I ricercatori hanno individuato tutti gli studi che parlassero di vitamina E e dismenorrea, purchè avessero una durata ragionevole, coinvolgessero donne con dismenorrea primaria e fossero randomizzati a doppio cieco.

Il primo studio, pubblicato nel 1955 riguardava 100 studentesse universitarie che avevano una storia di dolorosi crampi mestruali. Alle partecipanti veniva chiesto di assumere una pillola (che era vitamina E o un placebo) tre volte al giorno, 10 giorni prima del giorno in cui si aspettavano arrivassero le mestruazioni.
Dopo circa tre mesi (tre mestruazioni), alle donne veniva chiesto di indicare la gravità del dolore vissuto. Più donne riferirono di un’esperienza tollerabile quando avevano assunto la vitamina E.

Il secondo studio, pubblicato nel 2001, riguardava 100 giovani donne dai 16 ai 18 anni che soffrivano di dismenorrea primaria. Le ragazze erano state divise in due gruppi uguali: 50 di loro avrebbero ricevuto cinque compresse di vitamina E (500 unità), le altre un placebo. Le ragazze dovevano assumere la medicina due giorni prima che iniziasse il loro periodo mestruale, fino a tre giorni dopo l'inizio dell'emorragia. Tutte riportarono miglioramenti, ma le ragazze che avevano assunto vitamina E riportarono miglioramenti più pronunciati.

Il terzo studio è stato pubblicato nel 2005 e ha coinvolto 278 ragazze di età compresa tra 15 e 17 anni affette da dismenorrea primaria. Come nel secondo studio, le ragazze dovevano assumere la medicina due giorni prima che iniziasse il ciclo. Al termine, i ricercatori hanno scoperto che non solo l'integrazione di vitamina E riduceva la gravità del disagio, ma riduceva anche la durata del dolore e la quantità di sangue.

Questi risultati non sorprendono, visto che la vitamina E rientra nelle vitamine che aiutano l’organismo ad affrontare gli stati infiammatori. Non solo, la vitamina E è un micronutriente così importante da essere implicato nello sviluppo di malattie del sistema nervoso.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER