Zecche preistoriche VS Dinosauri

Le zecche tormentavano i dinosauri succhiandogli via il sangue, lo confermano gli studi

Gli scienziati hanno trovato la prima solida evidenza che conferma che le zecche preistoriche consumavano sangue di dinosauro. La scoperta di un pezzo di ambra di 99 milioni di anni in Myanmar offre uno sguardo raro sulla vita degli animali del Cretaceo, grandi e piccoli. Intrappolata nella linfa fossilizzata, si vede la zecca afferrare una piuma che si presume provenga da un dinosauro piumato. Anche se gli insetti succhiasangue dell'era del Mesozoico racchiusi nell'ambra sono diventati parte dell'immaginazione del pubblico grazie al film Jurassic Park, i reperti fossili in precedenza avevano sempre mancato di prove evidenti che il sangue di dinosauro fosse presente nel menu.

È bene sottolineare che, anche se la zecca ha effettivamente ingerito sangue di dinosauro, non è possibile estrarre il DNA da un insetto coperto di ambra, come accade in Jurassic Park, poiché la vita delle complesse molecole di DNA è piuttosto breve. Ciononostante, il fossile è davvero molto utile per la nostra comprensione dell'ecologia nell'era dei dinosauri.

«I reperti fossili ci dicono che piume come quella che abbiamo studiato erano già presenti su una vasta gamma di dinosauri teropodi, un gruppo che includeva forme di corridori senza abilità di volo, così come dinosauri simili a uccelli, capaci di un volo potente" ha detto Ricardo Pérez-de la Fuente, ricercatore presso la University of Oxford - Museum of Natural History.

Anche se non possono essere sicuri di quale tipo di dinosauro si nutrisse la zecca, l'età medio-cretacea dell'ambra birmana ha confermato ai ricercatori che la piuma non apparteneva di certo a un uccello moderno, così come questi sono apparsi molto più tardi nell'evoluzione dei teropodi secondo le attuali prove fossili e molecolari.

Oltre alla scoperta riguardo ai dinosauri, i ricercatori hanno anche identificato una nuova specie di zecca, chiamata Deinocroton draculi o «zecca tremenda di Dracula», racchiusa in un pezzo separato di ambra.

 

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER