ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll

Benzina a 40 centesimi al litro. Si ottiene dai rifiuti ed è pulita

Condividi questo articolo:

Benzina e diesel economici e puliti. Non e’ utopia, ma e’ il risultato di una tecnologia che trasforma i rifiuti alimentari in carburante

Un carburante a 40 centesimi al litro. Non è un sogno, ma una realtà che in questi mesi di caro-benzina farebbe felici tantissimi automobilisti. La notizia rende ancora più felici se si pensa che il carburante è pulito ed è ottenuto dai rifiuti. A dimostrare che è possibile realizzare benzina economica dagli avanzi di cibo sono stati gli esperti dello statunitense Gas Technology Institute, durante una sessione del meeting della American Chemical Society, in corso a Philadelphia.

Gli esperti del Gas Technology Institute hanno realizzato già i primi impianti pilota in grado di trasformare tutti gli scarti biologici in gasolio e benzina. Come avviene la trasformazione di rifiuti in benzina? Grazie alla tecnologia chiamata Idropirolisi e Idroconversione Integrata, che utilizza una serie di catalizzatori chimici, già brevettati, per produrre idrogeno a partire dalla materia prima, costituita appunto da qualunque sostanza biologica.

Possono essere convertiti in benzina, diesel e, più in generale, carburante economica e pulita sia i rifiuti ‘umidi’ sia le alghe. Il processo di trasformazione e riciclo è già stato valutato dal Dipartimento per l’Energia statunitense, che ha stimato il costo del carburante risultante in circa due dollari al gallone, appunto 40 centesimi di euro al litro. Entro il 2014 avremo degli impianti capaci di produrre fino a 80mila litri di carburante al giorno.

(gc) 

Questo articolo è stato letto 26 volte.

benzina, benzina ecologica, benzina economica, biodiesel, costo benzina, diesel, prezzi benzina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net