ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll

Auto elettrica, ecologica ma silenziosa: pedoni a rischio

Condividi questo articolo:

L’auto elettrica e’ troppo silenziosa e mette a rischio la sicurezza dei pedoni, che non percepiscono l’arrivo della macchina

L’auto elettrica è ecologica, facile da guidare e, molto, silenziosa. Tra le caratteristiche che contraddistinguono l’auto elettrica vi è anche la silenziosità, un fattore che può rappresentare un pericolo per i pedoni, che spesso non si accorgono che sta per arrivare un’auto. Per questo motivo, come previsto dalla legge bipartisan sulla valorizzazione della sicurezza pedonale del 2010, il Dipartimento Trasporti National Highway Traffic Safety Administration degli Stati Uniti ha proposto che i veicoli ibridi ed elettrici siano conformi alle norme sonore minime. Solo conferendo alle auto elettriche un minimo di rumorosità durante la loro corsa è possibile rendere i pedoni consapevoli dei veicoli in avvicinamento: lo standard proposto dovrebbe adempiere al mandato del Congresso sulla legge pedonale per il miglioramento della sicurezza.

In base alla legge sulla valorizzazione della sicurezza pedonale le auto elettriche ed ibride devono soddisfare i requisiti minimi sull’emissione del suono, in modo che i pedoni siano in grado di rilevarne la presenza, la direzione e la posizione quando si muovono a bassa velocità. I suoni dovrebbero essere riconoscibili, nella vasta gamma dei rumori di strada e tra gli altri suoni di sottofondo dell’ambiente, ogni qual volta il veicolo cammina al di sotto dei 30 Km/h. Ma deve, soprattutto, emettere un suono sufficiente a consentire ai pedoni e ciclisti di individuarli senza il ricorso a segnalazioni sonore.

(gc) 

Questo articolo è stato letto 4 volte.

auto, auto elettrica, auto elettrica silenziosa, auto ibrida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net